Padroni della Laguna di Venezia?

La notte del 3 agosto 2018 ero ricoverato al pronto soccorso dell’Ospedale di Venezia SS Giovanni e Paolo a causa di una caduta. Verso le 2 del mattino del 4 agosto delle grida tremende mi svegliano. Sono arrivati i parenti dei due pescatori investiti alle 23.35. Grida lancinanti e disperate che sembrano appena riemerse dal mondo dei morti.

Nella poetica, luminosa, colorata laguna veneziana si muore. Si muore di morte orrenda per azioni che, penso, abbiano ben poco della fatalità e molto dell’atto violento, del gesto prepotente e tracotante di chi è convinto di essere “il padrone”.

rossi e gavagnin vittime
vittime e carnefice

Non è la prima volta che nelle placide acque lagunari delle persone perdano la vita o siano irreparabilmente menomate a causa della conduzione dei natanti. Esiste una lunga casistica e molte famiglie sono state rovinate. Eppure la laguna è uno specchio d’acqua molto limitato, eppure le imbarcazioni che vi circolano possono essere calcolate nell’ordine di qualche migliaio.

Penso che questo fatto del 3 agosto 2018 non rappresenti una sciagura ma delinei i tratti oscuri ed inattesi a chi non è pratico di questo territorio. Era agosto 2013 quando Joachim Vogel, un cittadino tedesco in visita a Venezia, fu schiacciato da un traghetto ACTV mentre si godeva il suo giro sulla gondola assieme alla famiglia; non si può morire così!

barchini bacan venezia
barchini alla spiaggia del Bacan

Questa disgrazia non ha alcuna correlazione con quanto accaduto il 3 agosto 2018 ma penso sia il sintomo di un disagio che dilaga per entrare nelle nostre vite ed assumere la sembianza della fatalità, dell’inevitabilità, del caso, della sciagura; mentre resta non detta, nascosta, negata, la verità dei fatti ed i corollari a questi fatti che ne sono ineluttabili precursori.

Essi sono, tuttavia, sotto gli occhi di tutti i veneziani che vogliono tenerli ben aperti e si verificano quotidianamente in ogni periodo dell’anno. L’uso pesudo-criminale dei barchini da parte di giovani e meno giovani diportisti di certa stirpe lagunare. Ecco, direi che questa sia una delle più purulente piaghe della venezianità. Perché provoca disgrazie, provoca morti.

barchino planante
barchino planante

I barchini sono gusci di vetroresina piuttosto leggeri di lunghezza compresa tra 3 e 5 metri che hanno, normalmente, un utilizzo di servizio per i residenti. Sono molto utili per trasportare persone e cose tra le isole, per una passeggiata, per lavoro, per la pesca, per la caccia, per l’osservazione della fauna e della flora locale. I veneziani vanno al bacàn ( spiaggia in bocca di porto del Lido ) con i barchini; è una tradizione stupenda. Sono attrezzati con motori fuoribordo che in genere non superano i 20/30 cavalli; ma capita che non sia sempre così.

Forse il desiderio più grande di tutti gli adolescenti maschi di Venezia, è quello di ricevere in dono un barchino. Magari full optional, con impianto stereo da 1000 watt, poltroncine imbottite con poggiatesta, cuscineria personalizzata, luci led, salpa àncora, comandi remoti con volantino momo e manetta cromata, tendalino, trim elettrico e mille altri dettagli che rendono una banale barchetta una sorta di fuoriserie galleggiante.

Cosa c’è di male in tutto ciò? Nulla accidenti! I desideri dei ragazzi li conosciamo tutti; siamo stati tutti quindicenni. Se un genitore è in grado di esaudire questi desideri penso che sia una fortuna per un figlio; ma non sempre. Anche il desiderio vorrebbe i suoi tempi; dovrebbe essere prolungato e coccolato, reso un obiettivo, una meta da conquistare, da meritare. I desideri esauditi automaticamente all’istante e senza scopo, per il solo fatto di manifestare potere genitoriale e status economico, spesso non producono effetti positivi.

barchino planante
barchino planante

Essi rappresentano al figlio una realtà edulcorata, un senso d’onnipotenza che deriva dal potere del denaro, una forma precoce d’arroganza che trasforma un adolescente in un vecchio puttaniere che si crede “il padrone” per il solo fatto di possedere cose e, di conseguenza, persone, per via dello status. Il passo successivo infatti è la motorizzazione della fuoriserie d’acqua. Non bastano tutti i gadget e gli orpelli, serve sostanza e quella la può fornire solamente un enorme motore fuoribordo. Qualcosa di parossistico, 150 cavalli, 200 cavalli, e via salendo come se non vi fosse limite a quello che si può imbullonare allo specchio di poppa di 40 centimetri di un barchino che può essere sollevato da 2 persone; ma come si fa a disporre di un motore così a 15/16 anni? Semplice, ci si fa regalare un “mero” 40 cavalli e lo si elabora.

E poi?

barchino planante venezia
barchino planante

Poi si deve dare prova di tutto questo potere, di questo lusso, di questa potenza. Unica via è mettere a manetta e planare sull’acqua a velocità folli; 20 30 40 nodi mentre lo scafo prende il volo sulle leggere increspature della laguna e ricade poi giù con “tonfi erettili”; si, perché trattasi di muscolari rappresentazioni della volontà di potere del giovane veneziano, penosamente virili.

Purtroppo la fisica e la fisiologia non giocano loro a favore. Condurre un natante in queste condizioni comporta una netta riduzione della visibilità ed il prolungamento dei tempi di reazione. Le briccole non hanno occhi e non si spostano dalla rotta, sono pali di legno, ferro o plastica riciclata. Il barchino si scontra con il palo e i diportisti volano via a 20 30 40 nodi. Se va bene finiscono in acqua, se va male sbattono contro la briccola, si spezzano le ossa o si rompono la testa. Alcuni muoiono, altri divengono vegetali e riposano al San Camillo.

barchino in volo

Altri, invece, evitano le briccole ma centrano altri natanti e feriscono o uccidono il prossimo. Magari due signori che si dilettano di pesca notturna e, tra una ciacola e l’altra, se ne vanno tranquilli sul loro barchino lungo il Canale di San Nicolò davanti al Lido a lanciare i loro ami e attendono che branzini boseghe o qualche seppa, abbocchino; mentre dall’oscurità giunge improvviso un rombo assordante e poi un lampo di plastica bianca e poi una grossa frenetica lama rotante che taglia, spezza, smembra, squarta in un attimo corpi vivi e palpitanti; e magari questi corpi non divengono subito cadaveri ma restano, per qualche terrificante minuto, consapevoli del dolore, del trauma. Morti per rappresentazioni di potenza.

Ebbene la laguna non è di codesti giovinotti privi di senso e di sentimenti. Non sono nemmeno tutti e solo giovani adolescenti; tra loro vi sono pure uomini adulti e padri di famiglia, cresciuti nella convinzione che sia consuetudine condurre in questo modo il natante, convinti di rappresentare e di essere genuini veneziani. Tutti uomini comunque. La cosa è di genere. Uomini che ritengono che lo specchio d’acqua veneziano sia “cosa loro”, che sia lo spazio privato per i loro giochetti, in cui abbia pieno diritto lo scarico della loro adrenalina o delle loro frustrazioni.

Chissà, magari alcuni di questi “padroni” si stracciano le vesti nei social contro i turisti…

barchino con famiglia

L’amministrazione dovrebbe reprimere queste condotte con la massima severità consentita dalle norme; tuttavia si riscontra oggi questo assurdo paradosso: la circolazione delle imbarcazioni a remi che non siano “tradizionali” è vietata in Canal Grande e canali adiacenti per tutto l’arco della giornata. Quindi sorge un limite, una sanzione, nei confronti delle imbarcazioni a remi che non facciano parte della tradizione storica veneziana; ma i barchini di vetroresina? Possono circolare? Si, perché sono a motore.

Se tutte le imbarcazioni rispettano i limiti e i conducenti sono prudenti è impossibile che possano verificarsi incidenti gravi con feriti o decessi. Potranno verificarsi piccoli impatti di nessun rilievo; normali in un contesto di trasporti che non è dissimile da quello stradale ma infinitiamente meno congestionato e lento. Imporre divieti alle imbarcazioni a remi è come impedire la circolazione delle biciclette in città.

barchino in volo
barchino in volo

Penso che questo provvedimento sia stato prodotto solamente per assecondare le ciance dei social che hanno infiammato una polemica che, a Venezia, vede come colpevoli di ogni malanno sempre e solo i turisti.

Ciance che si sono esacerbate dopo la disgrazia del 3 agosto 2018 ma sempre contro i turisti, le canoe in questo caso, che non hanno avuto alcun ruolo nei fatti e non hanno mai causato problemi alla circolazione acquea. Ebbene, le canoe sono il natante più antico che l’umanità abbia mai utilizzato, possono rientrare a pieno titolo tra le imbarcazioni tradizionali, perché appartengono all’immaginario ancestrale di ogni uomo che desideri esplorare il mondo.

Conclusioni: parte della comunità veneziana ha la coscienza sporca e cerca dei capri espiatori in persone che non abbiano gli strumenti per difendersi, su cui scaricare tutte le proprie responsabilità. Una comunità che pretende d’ignorare le proprie responsabilità e non intende porre rimedio a ciò che di essa è degradato, ha dichiarato il suo completo fallimento. Non vorrei che ciò fosse l’unica via per Venezia ed i suoi cari veneziani.

Questi sono solamente GOLDONI!

barchino con goldoni
goldoni in barchino
barchino e goldoni
goldoni in barchino

il veneziano medio: il bagno in canale, nostalgie e rabbia

venezia bagni canale
bagni in canalasso

Come qualsiasi popolo che si rispetti, anche il veneziano è propenso a criticare il prossimo ma ad essere indulgente verso sé stesso. Ecco l’annosa questione del turismo di massa che pare abbia preso d’assedio Venezia. I veneziani si sentono avviliti da certi comportamenti che considerano un insulto alla città; ma alcuni di essi erano la normalità, in un lontano passato in cui la miseria e la fame erano diffusi.

Tra questi comportamenti c’era l’usanza di farsi il bagno in canale. Forse per le famiglie povere era arduo raggiungere il mare; magari frequentato da un turismo elitario se non proprio di censo nobiliare, quindi, nelle afose calure estive non c’era rimedio migliore, almeno per i più giovani, di buttarsi nelle acque dei canali e lì imparare a nuotare rinfrescandosi.

Oggi i veneziani stanno bene, anche grazie alla moltitudine di visitatori ed ospiti internazionali che spendono i loro soldi in città; non hanno più bisogno di rinfrescarsi in laguna. Molti di loro possiedono veloci motoscafi che guidano con perizia ma anche con incoscienza per meravigliare le giovani concittadine; il mare lo fanno all’estero in località esotiche.

Chi potrà più raccogliere l’eredità di quei pomeriggi passati a sguazzare nei canali, nelle “piscine” nei rii, insieme ai compagni di scorribande estive?

Solamente il turista più smaliziato e sempliciotto potrà farlo. Egli, con serena semplicità, sopraffatto dalla calura, dopo ore ed ore a camminare nell’incanto veneziano, vedendo quei flutti invitanti che richiamano la rilassatezza della spiaggia, non può resistere e si tuffa. Inconsapevole riprodurrà ciò che fu un uso antico ormai defunto; magari nascosto per lunga pezza come qualcosa di cui vergognarsi.

I tempi, però, incalzano ed ecco che sorge il micidiale socialnetwork; moderno frullatore delle coscienze collettive, che propina a tutti in diretta e in ogni singolo monitor portatile, notizie sfornate a ritmi che farebbero impallidire le catene di montaggio fordiste.

Qui succede tutto ed il contrario di tutto. Ecco i veneziani che si accorgono di essere nostalgici, che rispolverano vecchie fotografie degli anni che furono. Cadono in estasi davanti a quei colori stantii a quelle tonalità seppia che ritraggono gruppetti di persone dimesse e vestite molto alla buona mentre vivono la loro città nei momenti più banali.

Ecco che vedono la vecchia foto dei bimbi che nuotano e giocano nelle acque torbide dei canali, allora ben più luride, causa gli scarichi fognarii privi d’ogni presidio. Le reazioni sono di grande affetto, nostalgia, passione amorosa della rimembranza di fantomatici “bei tempi andati” in cui tutto era più bello, più vero, più buono.

Ecco allora che vedono la foto scattata in digitale oggidì. Una fredda fotografia HD scattata in fretta; ed in fretta resa pubblica a milioni e milioni di spettatori che, senza alcuno sforzo se la scambiano se la ritrasmettono in mondovisione. Le reazioni scomposte non si fanno attendere. Insulti maledizioni e pernacchie vanno all’indirizzo degli accaldati signori che hanno osato detergere le membra nei canali veneziani. Si augura loro morte per la funesta “leptospirosi”, dimenticando che siamo in acque salmastre non ferme. Si augura loro una forma di colera, dimenticando che il sistema delle fosse settiche a Venezia è quasi al cento per cento e che il colera era endemico ai “bei tempi andati” delle foto seppia.

Si dimentica un poco tutto per lasciarsi andare alla furia del linciaggio virtuale. Per carità, è vero; Venezia merita rispetto; ma anche la storia lo merita. Leggere questi fatti come qualcosa che ritorna, che è umana, che è azione del vivere la città; in un modo diverso da un passato che ( per fortuna! ) non tornerà mai più ( si spera ).