burn after reading

Burn After Reading

A cosa si potrebbero paragonare questi ultimi due mesi, volendo dar loro opportuno spessore drammatico?
Ai film distopici e catastrofisti?
Alle visioni oscure di qualche artista maudit?
A previsioni tenebrose d’indovini in erba?
Non penso proprio. Quello che si avvicina di più alla realtà dei fatti, delle cronache nere e grigie, del roboante universo dei mass-media, dell’isterico e rissoso mondo della politica, è una bella sceneggiatura dei fratelli Coen.

burn after reading

Joel ed Ethan interpretano il verismo dei nostri tempi, come Giovanni Verga, Luigi Capuana, Federico De Roberto, Matilde Serao, Emilio Praga, Arrigo Boito, lo avevano ben inteso 150 anni fa in Italia. Se questi artisti fossero vivi oggi scriverebbero sceneggiature negli assolati sobborghi di Los Angeles e si scannerebbero per essere scritturati negli Studios.

La pandemia scorazza nel mondo distratto dalla repressione e dalla censura. Colossi politico-istituzionali si vendono a colossi economico-industriali alla faccia della salute dei popoli e questo è l’indizio del fatto che siamo tutti scarafaggi, tutti ( quasi: ma poco quasi ) ugualmente e ferocemente assetati di sangue e carne putrida.

Il virus giunge in un paese latino ciarliero e vacanzista, in cui le cose serie sono prese per gioco e i giochi sono presi sul serio. Ecco che scoppiano le polemiche. Chi auspica la chiusura delle frontiere e l’uso della mascherina è tacciato di razzismo, gruppi di utili-idioti diffondono immagini in cui i presidi sanitari sono considerati strumenti di segregazione etnica, altri utili-idioti incoraggiano l’abbraccio spontaneo ed immotivato per le strade della movida e delle apericene.

Il Governo non vede l’ora d’applicare la Legge che consente di sospendere per massimo 6 mesi ogni attività del Parlamento e di agire esclusivamente per decreto. Tutti smaniano di tappare la bocca agli avversari politici:
TUTTI!

Scatta l’emergenza e si sprecano le espressioni gergali anglofone, si creano le task force con centinaia di espertoni ( 300, come gli eroi delle Termopili ? ) per prendere in mano la situazione. Questi litigano tra loro mentre gli operativi nelle corsie si battono con uno stuzzicadente contro un drago. Una fuga di notizie causa la presa d’assalto delle stazioni ferroviarie e delle strade da parte di decine di migliaia di persone che antepongono l’odore di basilico al rischio di morte.

Siparietto noioso è che praticamente tutti gli italiani si adeguano alle disposizioni e sono disciplinati.
Fortuna che ai mass media non piace ed orde di cronisti sono sguinzagliati per il paese al fine di beccare i disubbidienti. Iniziano anche gli idioti dei socialnetwork a farsi avanti con una produzione seriale di documenti falsi su qualsiasi genere di sfumatura di cui abbiano sentore da giornali tivvù e riviste online.

Impazzano i video di personaggi che fanno il discorso della montagna. Improvvisati esperti di tutto, dalla medicina alla statistica, raffazzonano video nel loro giardino per sconfessare la realtà epidemica grazie al contributo della figlia di 12 anni che poco prima ha loro insegnato le frazioni. Altri citano astrologi cialtroni del medioevo come Nostradamus per vaticini a posteriori. Il narcisismo paranoide e sociopatico prende la mano, dai rispettabili rappresentanti di commercio alle massaie.

Padre Livio Fanzaga, il prete che parla a Radio Maria, chiama in causa una possibile ammonizione divina per giustificare la verità del morbo. Il CSO Rivolta di Marghera organizza un cenone-ammucchiata ( con aspirina nella cola del Prix ) per opporsi alle disposizioni del decreto che sono viste come oltraggio alla libera ed autogestita stupidità quotidiana. I giorni passano nella solitudine casalinga, nel silenzio dei quartieri e delle vie.

Ecco che le opposizioni si riorganizzano e diffondono il servizio di RAI 3 Leonardo in cui si fa menzione di un virus creato in laboratorio. Intanto il Presidente della Regione Veneto parla ai giornalisti delle abitudini culinarie dell’estremo oriente. Valanghe di polemiche si accendono. Luca Zaia è messo alla berlina per aver detto una gran verità: “I magna topi vivi…”
Il servizio di RAI 3 Leonardo esiste ed è datato, certo non attinente ai fatti del 2020.

Si sà che nella lotta di propaganda contro propaganda disinformazione e contro informazione non ci sono regole se non quella della manipolazione. In gioco ci sono carriere e poltrone, certo non il bene comune.

Dallo Spallanzani giungono notizie sull’origine naturale del virus ma la questione ad oggi non è ancora certa.

Intanto elicotteri si alzano in volo per cacciare bagnanti precoci che passeggiano solitari in pareo sulla spiaggia sabbiosa di Mondello, su quella rocciosa di Salerno. A Torino pare sia scoppiata una protesta in una di quelle vie quadrate dei quartieri operai FIAT costruiti nei primi del ‘900 positivista. Una rivolta folle ma ci son 2,3,4 e più persone costrette in 40 metri quadri che mal si sopportano.

Corsa all’uso dei gel lavamani in maniera compulsiva. Le mascherine servono, non servono, non vanno fatte in proprio, vanno fatte in proprio… Intanto iniziano le rivendite a prezzi stellari di confezioni di varia natura, mentre nessuno pensa a renderle tutte detraibili.

Inizia una campagna a tappeto per istruire il popolo sul contegno contro l’infezione ma anche una campagna puerile ed autoreferenziata in cui i gruppi editoriali pubblici e privati raccomandano al popolo d’affidarsi solamente all’informazione ufficiale. Si fa pubblicità progresso per demonizzare le cosidette “fake news” aggiungendo altro disgusto al già greve vocabolario anglofonizzato degli imbecilli.
Diffidate delle imitazioni! Solo sssr na strojke, pravda e völkischer beobachter.

Ai primi di aprile, dopo 20 giorni di autarchia mediatica, ricominciano ad arrivare notizie dall’estero, ovviamente tutte puntate sulle vicende del virus. Nel mondo si muore, si vive, si soffre, si gioisce, solo in funzione del COVID-19 e dell’andamento delle Borse internazionali.

Si parte dall’Europa. Esordisce un opinionista inglese, il dr. Christian Jessen che stigmatizza gli italiani sole-pizza-mandolino che con la scusa della febbre non vogliono lavorare. La stronzaggine è democratica.

Quindi segue il fuoco di fila delle epifanie europee ( come furono le primavere arabe ).
Spuntano fuori vecchie e mai defunte tradizioni del continente sanguinario ( 1914-1918, 1939-1945 ). Quando ancora i miasmi non hanno aggredito tutte le nazioni, prevalgono interessi di portafoglio e sordidi pregiudizi. L’Inghilterra, che ha capito questi ultimi, si fa sfuggire l’occasione e cade nel tranello pseudoscientifico, sottovalutando la situazione. Un puntualissimo contrappasso riporterà alla fredda luce del giorno la faccia stralunata di Boris Johnson.

La genia ( il politicamente corretto nel lager non stona ) di fama internazionale, Christine Lagarde, decide di far concorrenza a Ralph Winchester e lo batte sul campo.

Si da fuoco alle polveri della solidarietà pelosa!
Si aprono le vie della seta come a rendere omaggio alla dittatura opprimente che ha impestato tutti noi. Un omaggio stile Alibaba: io regalo te 500 tu compri me 500milioni…
La globalizzazione è morta ma continua a vivere nei sogni d’eternità di quel prestigioso e cinico mestiere della diplomazia.
Ecco che è il momento dei corrispondenti. Dalla Cina Giovanna Botteri di famiglia in RAI e col cuore a Samarcanda. Le italiane ammirano le sue chiome come tamerici salmastre ed arse. Claudio Pagliara dagli Usa. Pare che per ora Gianni Riotta ce lo abbiano risparmiato, o me lo sono perso?

Mentre dalla Cina giungono solo aggiornamenti sulle tempistiche della quarantena e sui metodi di disinfezione, essendo le notizie sulle censure molto laterali e tardive, dagli USA giungono quotidiane le recensioni circa le bizze di Trump.

Il tycoon palazzinaro se ne esce con picconate e castronate varie. Litiga coi suoi, minaccia la Cina, minaccia l’OMS, suggerisce ai suoi connazionali di assumere disinfettanti per bocca o per via endovenosa. Sparando in tutte le direzioni è certo che qualche bersaglio lo prenderà. Intanto negli Stati Uniti chissà se qualcuno avrà compreso che la sanità dev’essere ripensata.

Torniamo in Italia dove, dopo varie interviste a medici e scienziati che ci hanno dato contezza del fatto che le dinamiche politico-sociali inquinano anche la presunta asetticità non-democratica della scienza, scoppia uno scandalo per la non-nomina del magistraro-eroe Roberto Di Matteo e per la concessione dei domiciliari ad importanti boss di mafia camorra ‘ndrangheta.

Assassini a casa per licenza virus, doppio fallimento:
1) la giustizia si arrende ai capricci della natura;
2) le carceri non garantiscono la sicurezza pur essendo luoghi virtualmente isolati dal resto del mondo ( ancor più il 41bis ).
Il Ministro Alfonso Bonafede è nella tempesta ma pare solamente in quella di alcuni media. Facciamo il gioco del SEFOSSI?
Se Bonafede fosse stato espressione della Lega?
Magari della Lega Nord?
O di Forza Italia?
Tutto uguale uguale?
Le ho sentite ieri le interviste bonarie e minimizzatrici a Radio Rai 1.

Ed eccoci infine ai giorni nostri. Un esempio lampante della realtà alla Coen che stiamo vivendo.
Una giovane donna insegue i suoi sogni. È appassionata di fitness ( come Linda Litzke ), studia e si laurea in mediazione linguistica nel 2018. Forse illusa dall’amore per il prossimo, con la convinzione che hanno tutti i giovani d’avere un ruolo chiave per cambiare il mondo, parte subito per una missione di volontariato in Africa in zona Malindi, famosa per attacchi terroristici, le va bene.

Forse convinta di essere immune al male, protetta dallo Spirito Santo o da Osho Rajneesh, forse gratificata dal suo intento volontaristico, riparte ancora e questa volta la rapiscono quelli di Al-Shabaab. Per intenderci quelli che nel 2015 hanno fatto irruzione in un campus universitario in Kenya ammazzando 148 persone.

Resta nelle mani di questi ideologi ( che son convinti pure loro, come noi, di aver ragione: Gott mit uns è pandemico ) per 18 mesi. Durante i quali non le accade nulla, se non un lungo viaggio da Malindi alla Somalia, anzi, ha modo di mettere ancor meglio in pratica i suoi studi di mediatrice culturale che forse le hanno consentito di evitare il peggio.

Ebbene, grazie a sforzi d’intelligence internazionale e probabilmente ad un congruo riscatto, viene liberata e torna nel paese dei vacanzisti ciarlatori che le organizzano una bella accoglienza.
Da un lato orde di scribacchini malversatori diffondono notizie false tramite i famosi gruppi editoriali che fanno la pubblicità-progresso contro le “fake news”. Dall’altro gruppi d’odiatori seriali senza vergogne berciano insulti d’ogni genere sui social dando credito ai primi. Dall’altro ancora altri gruppi, professatori d’amore libero e progresso, vomitano insulti come lava sugli odiatori seriali.

Oltre tutto questo le istituzioni, non meno ridicole e pataccare, che si presentano nella loro massima espressione politica del Presidente del Consiglio e del Ministro degli Esteri ( mancava il Presidente della Repubblica ) ad accogliere questa sprovveduta.  Grave caduta di stile a mio parere. Sarebbe bastato un rappresentante del Ministero degli Interni, magari un vice ministro o il Capo della Polizia. Invece si presenta il gotha governativo. In un paese praticamente in guerra si ha tempo per queste cerimoniette.

La giovinetta arriva all’aeroporto tutta insacchettata e la prima cosa che fa, quando scende dall’aereo, è quella di chiedere all’agente di polizia se può cavarsi la mascherina. Perché?
Semplice: perché ci sono le istituzioni con il codazzo dei mass-media e dietro di loro tutta la grande massa dei telespettatori infami ed affamati, che non vedono l’ora di giudicare.

E lei non vede l’ora di essere giudicata, di divenire, forse con merito, un’icona del volontarismo umanitario ma goffo, di buoni propositi ma manicheo, incapace di vedere l’umano per quello che è. Incapace quindi di produrre un vero bene che è tale al di sopra di tutto. È del resto l’umanitarismo dell’uomo, non del divino.

Un climax d’innominabile nefandezza è partito a fine febbraio ed è giunto fino ad oggi; ma qui la curva non pare essere in discesa bensì in continua asintotica salita. Proprio come nei film dei Coen dove un’assurda scena ne precede solo un’altra, ed è tutto vero. Vero come ogni deprecabile miseria umana.

Siamo scarafaggi!
Ecco il messaggio che giunge da ogni parte del pianeta vivente!

quelle strane occasioni

…quelle strane occasioni…

Forse non a tutti capita di avere quella vena di humor nero ma a me si. Quando vedi e senti queste espressioni di retorica collettiva, di messaggi replicati ossessivamente e, spesso, scimmiottati, da milioni di persone, creati coll’intenzione ( positiva ) di dare una prospettiva ottimistica ad una realtà che, vista da molto molto in alto ( propriamente da oltre l’atmosfera ), non lo è in quasi nessun aspetto, ecco che s’attiva il desidero di riderci sopra amaramente.

Capisco che vi sarà chi si sentirà offeso, chi invocherà censure e reprimende ma questo è il gioco della satira che ha il compito di provocare. Del resto siamo sollecitati continuamente dal fuoco di fila di notizie, pseudonotizie, fandonie in buona fede ed in malafede, fatti, contraffatti, opinioni, talk show, articoloni di giornale, aggressioni fisiche e verbali, faziosità politiche etniche di quartiere, di bande criminali, siamo perseguitati da funzionari di stato o di enti sovranazionali, persone con vasti poteri, che parlano a vanvera mostrando lati oscuri ed inquietanti.
Che male può fare una vignetta in più nella vastità del sacrosanto malgusto della nostra beata società chiaccherona?

quelle strane occasioni

Il nostro mondo democratico è per definizione permeabile ad ogni espressione, ad ogni intento di riassumere una differente prospettiva.
La mente umana è per definizione e per necessità elaborata al fine di dare rappresentazioni astratte ed immaginifiche della realtà che sperimenta, al punto da produrre essa stessa delle realtà del tutto fittizie.

Spesso è proprio da questa ostinata repulsione per la cruda verità che scaturisce l’idea del sogno, dell’illusione, dell’intrapresa oltre l’ostacolo che consente all’uomo di raggiungere esiti ragguardevoli.
Spesso è proprio questa ostinata repulsione per la cruda verità che mette l’uomo massificato in situazioni che paiono ridicole, coatte a tal punto da farlo come marionetta o preda della pura ed ottusa irrazionalità.
Così la maestra commissiona ai suoi allievi il disegno con l’arcobaleno e lo slogan “andrà tutto bene” e tralascia invece di consentire ad ogni singolo ragazzino di scrivere ciò che pensa veramente, magari la prima cosa che gli possa passare per la testa. Ciò non perché vi sia un intento censorio ma per un semplice comportamento conformista, assunto dalla collettività che, deve immaginarsi idealmente unita contro un nemico comune. Quando sappiamo bene che la nostra collettività, specialmente quella italiana, ama dividersi su quasi ogni argomento e per motivazioni banalmente sciocche.

Si aprono, a mio parere, vaste praterie di riflessione sulla libertà, sulla società, sulla condizione dell’uomo come singolo individuo e come facente parte di un grande formicaio stipato su un pianeta che presto non avrà pane per tutti e già, per la maggioranza ora, non ne ha a sufficienza.
Ma queste son questioni di lana caprina… Ne parleremo dai nostri milioni di balconi o dalle aule degli asili: faremo bei disegni, cori e concerti, quando la situazione sarà precipitata. Spero allora di essere già defunto onde non dover produrre un’altra amara e pessima vignetta.

 

complottismo

Complottismo?

In queste ore stiamo assistendo alla proliferazione esplosiva di messaggi audio/video confezionati col pretesto dell’emergenza sanitaria in corso. Viaggiano nei socialnetwork ma anche nei sistemi di comunicazione più diretta come whatsapp e chat varie.

Questi messaggi pretendono d’informarci circa rischi rimedi e presidi di sicurezza da attuare contro la diffusione del virus e per evitare o mitigare l’infezione. Oppure sono costruiti per NEGARE l’evidenza dei fatti, per NEGARE o minimizzare la sussistenza dell’infezione in corso o per interpretare questa situazione come l’esito di un’azione premeditata da i più disparati gruppi di potere economico e/o politico, insinuando nelle persone, già molto allarmate, la diffidenza verso le istituzioni del nostro paese.
Ritengo che questi fatti abbiano una pesante rilevanza penale e dovrebbero essere perseguiti nella maniera più severa possibile e, se le cose dovessero ancora peggiorare, anche con l’applicazione del codice militare.

complottismo

Ho visionato un breve filmato di un tizio che s’accompagna con una lavagna a fogli sulla quale pasticcia i numeri dell’epidemia. Costui dichiara con orgoglio di NON aver studiato ( pare un immobiliarista ) e che le cose che ha capito sono facilmente reperibili sul web. È convinto così di aver scoperto una grande verità, che nessuno oltre lui conosce. Nel video dichiara che sua figlia gli ha insegnato in quell’occasione a calcolare i pesi per le valutazioni statistiche dei dati ( somme e frazioni )!!!!
Il problema è che questo tizio fa sul serio.

Invito tutti a grande prudenza nel fruire di questi prodotti multimediali. Se non hanno un’origine ed una certificazione ufficiale di provenienza istituzionale: ministeri, ASL, enti regionali, provinciali, statali, organi preposti all’ordine pubblico, enti universitari o di ricerca, sono da ritenersi a priori INATTENDIBILI.

Purtroppo molti di questi audiovisivi sono il frutto di menti malate, di persone fallite sotto molti aspetti della loro vita che cercano in queste drammatiche ( o tragiche ) occasioni un momento di visibilità o di rivalsa verso il mondo.

Nel migliore dei casi si tratta semplicemente di mitomani psicolabili con la mania della ricerca del complotto o della lettura dietrologica di ogni fatto.

Nel peggiore dei casi questi profili hanno anche aspetti più degenerati che sconfinano fino alla malafede. Si tratta allora di sociopatici o psicopatici.
Non basta quindi la semplice e sbrigativa definizione di “complottista”.
Si deve trovare un’altra definizione per questi degenerati. Non sono complottisti. Perché sarebbe come ammettere che il complotto non sia possibile.
La categoria del “complottista” è, ormai associata al disprezzo ( e ciò è male ) ma può comprendere anche persone sane e lucide che indagano con criterio nei fatti di cronaca e di storia per scoprire nuovi indizi e segni che possano ridefinirli e reinterpretarli. Si tratta del lavoro che fanno anche molti storici, politologi e studiosi in genere, oltreché molti investigatori criminologi e sociologi.

Personalmente li definirei degli sciacalli mediatici che, colla scusa di emergenze o fatti gravissimi e di rilevanza nazionale o internazionale, cercano visibilità e rivalsa per soli scopi narcisistici. Sono sciacalli narcisisti, quindi psicopatici o sociopatici. Potrebbero vivere costantemente in uno stato allucinatorio, afflitti da manie di persecuzione e forme di delirio paranoide.

Queste condizioni di degrado psichico, con l’innesco di una desolante situazione d’aridità cognitiva, d’irrecuperabile ignoranza e grettezza morale, conducono alla premeditazione ed alla conduzione d’azioni eclatanti, rivolte a coinvolgere quanta più gente possibile per ottenere personale giovamento: la soddisfazione di essere al centro dell’attenzione, soli contro il mondo che tende ad emarginarli.

I danni che possono procurare nella nostra società possono essere notevoli quanto più quest’ultima non dovesse scegliere la strada della trasparenza e della condivisione delle informazioni e della conoscenza. La fiducia alla lunga paga, la sfiducia il moralismo, la supponenza creano il clima adatto alla proliferazione di questi malanni.