complottismo

Complottismo?

In queste ore stiamo assistendo alla proliferazione esplosiva di messaggi audio/video confezionati col pretesto dell’emergenza sanitaria in corso. Viaggiano nei socialnetwork ma anche nei sistemi di comunicazione più diretta come whatsapp e chat varie.

Questi messaggi pretendono d’informarci circa rischi rimedi e presidi di sicurezza da attuare contro la diffusione del virus e per evitare o mitigare l’infezione. Oppure sono costruiti per NEGARE l’evidenza dei fatti, per NEGARE o minimizzare la sussistenza dell’infezione in corso o per interpretare questa situazione come l’esito di un’azione premeditata da i più disparati gruppi di potere economico e/o politico, insinuando nelle persone, già molto allarmate, la diffidenza verso le istituzioni del nostro paese.
Ritengo che questi fatti abbiano una pesante rilevanza penale e dovrebbero essere perseguiti nella maniera più severa possibile e, se le cose dovessero ancora peggiorare, anche con l’applicazione del codice militare.

complottismo

Ho visionato un breve filmato di un tizio che s’accompagna con una lavagna a fogli sulla quale pasticcia i numeri dell’epidemia. Costui dichiara con orgoglio di NON aver studiato ( pare un immobiliarista ) e che le cose che ha capito sono facilmente reperibili sul web. È convinto così di aver scoperto una grande verità, che nessuno oltre lui conosce. Nel video dichiara che sua figlia gli ha insegnato in quell’occasione a calcolare i pesi per le valutazioni statistiche dei dati ( somme e frazioni )!!!!
Il problema è che questo tizio fa sul serio.

Invito tutti a grande prudenza nel fruire di questi prodotti multimediali. Se non hanno un’origine ed una certificazione ufficiale di provenienza istituzionale: ministeri, ASL, enti regionali, provinciali, statali, organi preposti all’ordine pubblico, enti universitari o di ricerca, sono da ritenersi a priori INATTENDIBILI.

Purtroppo molti di questi audiovisivi sono il frutto di menti malate, di persone fallite sotto molti aspetti della loro vita che cercano in queste drammatiche ( o tragiche ) occasioni un momento di visibilità o di rivalsa verso il mondo.

Nel migliore dei casi si tratta semplicemente di mitomani psicolabili con la mania della ricerca del complotto o della lettura dietrologica di ogni fatto.

Nel peggiore dei casi questi profili hanno anche aspetti più degenerati che sconfinano fino alla malafede. Si tratta allora di sociopatici o psicopatici.
Non basta quindi la semplice e sbrigativa definizione di “complottista”.
Si deve trovare un’altra definizione per questi degenerati. Non sono complottisti. Perché sarebbe come ammettere che il complotto non sia possibile.
La categoria del “complottista” è, ormai associata al disprezzo ( e ciò è male ) ma può comprendere anche persone sane e lucide che indagano con criterio nei fatti di cronaca e di storia per scoprire nuovi indizi e segni che possano ridefinirli e reinterpretarli. Si tratta del lavoro che fanno anche molti storici, politologi e studiosi in genere, oltreché molti investigatori criminologi e sociologi.

Personalmente li definirei degli sciacalli mediatici che, colla scusa di emergenze o fatti gravissimi e di rilevanza nazionale o internazionale, cercano visibilità e rivalsa per soli scopi narcisistici. Sono sciacalli narcisisti, quindi psicopatici o sociopatici. Potrebbero vivere costantemente in uno stato allucinatorio, afflitti da manie di persecuzione e forme di delirio paranoide.

Queste condizioni di degrado psichico, con l’innesco di una desolante situazione d’aridità cognitiva, d’irrecuperabile ignoranza e grettezza morale, conducono alla premeditazione ed alla conduzione d’azioni eclatanti, rivolte a coinvolgere quanta più gente possibile per ottenere personale giovamento: la soddisfazione di essere al centro dell’attenzione, soli contro il mondo che tende ad emarginarli.

I danni che possono procurare nella nostra società possono essere notevoli quanto più quest’ultima non dovesse scegliere la strada della trasparenza e della condivisione delle informazioni e della conoscenza. La fiducia alla lunga paga, la sfiducia il moralismo, la supponenza creano il clima adatto alla proliferazione di questi malanni.

One thought to “Complottismo?”

  1. Hai perfettamente ragione e non sono gli unici colpevoli , la massa di decerebrati che condivide, invia , inoltra e copia é enorme. Come possiamo pretendere di uscire da questo incubo, circondati da questa gente?
    Grazie Patrizia .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *